Tu sei qui

Letteratura dell'emigrazione italiana

Questo viaggio chiamavamo amore

Editore: 
Einaudi
Anno: 
2015
Luogo di edizione: 
Torino

Recensione: 

L'ultimo romanzo di Pariani conferma il grande attaccamento e interesse dell'autrice nei confronti dell'America Latina, protagonista anche di molti dei suoi romanzi precedenti. In tal caso la prospettiva varia, poichè l'ambientazione resta la medesima, tuttavia Pariani racconta abilmente la storia del poeta Dino Campana e della sua esperienza (effettiva? immaginata?


L'ultimo arrivato

Editore: 
Sellerio
Anno: 
2014
Luogo di edizione: 
Palermo

Recensione: 

Il terzo romanzo di Marco Balzano resta su uno dei temi a lui cari e già indagati sul piano letterario, ossia l'emigrazione interna italiana da sud a nord e le sue ripercussioni nella vita delle persone. Nonostante ciò, "L'ultimo arrivato" non scivola nel rischio di ridondanza ma riesce a mettere in luce un ulteriore aspetto di quel fenomeno di massa che ha riguardato l'Italia a partire dalla metà del secolo scorso, ossia l'emigrazione precoce di ragazzini, soli o accompagnati da un conoscente o parente, verso le città settentrionali.

Non piangere, non ridere, non giocare

Editore: 
Lapis
Anno: 
2014
Luogo di edizione: 
Roma
Presentazione: 

In Svizzera, nella metà degli anni ‘70, trentamila bambini italiani figli dei nostri emigrati vivevano in clandestinità, “sepolti vivi” nelle case per evitare di essere denunciati ed espulsi. Questa storia ha il merito di raccontarli a partire dalla figura di Teresa, che si nasconde in una soffitta piccola e vuota, dato che che sua madre – lavoratrice stagionale e straniera – non potrebbe portarsela dietro. Quello che ancora non sa è che sta per affrontare una grande avventura, insieme ad un gatto rosso e a un nuovo amico.


Pronti a tutte le partenze

Editore: 
Sellerio
Anno: 
2013
Luogo di edizione: 
Palermo

Recensione: 

Il secondo romanzo di Marco Balzano si colloca nel solco del precedente, Il figlio del figlio, (http://www.ilgiocodeglispecchi.org/libri/scheda/il-figlio-del-figlio) viste le affinità di alcuni temi che ritornano e, dal punto di vista stilistico, la scrittura sempre gradevole, nella sua piacevole e sorvegliata scorrevolezza.

‬Bambini proibiti.‭ ‬Storie di famiglie italiane in Svizzera tra clandestinità e separazione

Editore: 
Il Margine
Anno: 
2012
Luogo di edizione: 
Trento

Presentazione: 

Il libro getta uno sguardo al passato e al presente della migrazione,‭ ‬agli effetti spaventosi che leggi disumane provocano nella vita delle persone.‭ ‬Qui sono raccolte testimonianze sui bambini che non potevano soggiornare in Svizzera insieme ai genitori se questi erano stagionali:‭ ‬o nascosti e chiusi in casa o lontani,‭ ‬con i parenti nel paese d'origine o in collegi oltre confine.‭ ‬Sono storie viste con gli occhi dei bambini e testimonianze di adulti,‭ ‬parlano della Svizzera e anche della triste Italia che si è inventata il reato di clandestinità.‭

La moto di Scanderbeg

Editore: 
Fazi
Anno: 
1999
Luogo di edizione: 
Roma

Presentazione: 

Protagonista di questo romanzo è Giovanni Alessi, un uomo in perenne fuga. Dalla sua famiglia, dal suo paese, dove è nato e cresciuto, dai fantasmi del suo passato, dalla sua lingua, dal ricordo del padre che morì a trentacinque anni cadendo in un burrone per vincere una scommessa. Giovanni, che si è rifugiato in Germania per raggiungere Claudia, lavora dapprima come posapietre con uno zio, poi inizia a collaborare alla radio dove lavora la sua ragazza.

Ultima estate in suol d'amore

Editore: 
Neri Pozza
Anno: 
2011
Luogo di edizione: 
Vicenza
Autore: 

Presentazione: 

È l'estate del 1969. Sara ha diciassette anni, è nata nella Libia postbellica, in una multietnica Tripoli dove italiani, inglesi, francesi, americani, ebrei, cristiani, musulmani vivono fianco a fianco.

Acquabianca

Editore: 
Alpha Beta
Anno: 
2012
Luogo di edizione: 
Merano
Autore: 

Presentazione: 

Sera gelida dell’inverno del 1946, stazione di Castelbello, val Venosta: Daniele entra in una sala d’attesa, gremita di facce, per mano a suo padre. Sono sette giorni che viaggiano lungo i binari alla ricerca di un lavoro, uno qualsiasi. La loro ricerca termina il mattino dopo alla stazione di Lasa: un ragazzino di dodici anni muove i cuori a compassione e apre molte porte.

Il figlio del figlio

Editore: 
Avagliano
Anno: 
2010
Luogo di edizione: 
Roma

Recensione: 

Il romanzo di Balzano ripercorre la vita di tre generazioni, nonno, padre e figlio in un percorso che dal piano biografico su cui si sviluppa assume valore per (almeno) una intera generazione di italiani: il nonno Leonardo infatti, emigrò da Barletta a Milano con la moglie e il figlio ragazzino, al pari di migliaia di famiglie che dal sud Italia si spostarono nelle grande città del nord, senza più fare ritorno.

Tisaura

Editore: 
Besa
Anno: 
2011
Luogo di edizione: 
Nardò (LE)

Recensione: 

Il romanzo di Pellegrini ritorna su una questione cara all'autore, l'emigrazione italiana all'estero. Sullo sfondo di tale tema si snodano le vicende di alcuni personaggi, Tisaura, Sideo, Morena, le cui vite sono attraversate da vicende di grande portata sulle quali il testo ha il pregio di far riflettere.

Pagine

Abbonamento a RSS - Letteratura dell'emigrazione italiana