Tu sei qui

Poesia

Ditelo a mia madre

Editore: 
Fara
Anno: 
2017
Luogo di edizione: 
Rimini

Recensione: 

Una raccolta di poesie attraversata da un filo rosso ben distinguibile, al punto che pare di leggere una vera e propria storia, una narrazione. Lo spunto, drammatico, è, come la stessa autrice dichiara nella postfazione e come si nota dalla dedica, la vile uccisione di Giulio Regeni. A parlare sono i tanti Giulio, le tante persone che vedono in faccia la morte in circostanze drammatiche.


Dalla vita degli oggetti. Poesie 1983 - 2005

Editore: 
Adelphi
Anno: 
2012
Luogo di edizione: 
Milano

Presentazione: 

La traduttrice di queste poesie scritte da Adam Zagajewski nell'arco di vent'anni, in una ricca post fazione ci dice cosa significhi per lui la poesia: se la musica è stata creata per chi ha una casa, la pittura per gli stanziali, «la poesia si addice agli emigranti, a quegli sventurati sull'orlo di un precipizio, sospesi tra due generazioni, tra i continenti.» La condizione di migrante e il senso di estraneità ispira molti di questi versi, con la nostalgia non per la grigia repubblica socialista polacca in cui ha vissuto, ma per la Leopoli del mito familiare.


Rapporto dalla città assediata

Editore: 
Adelphi
Anno: 
1993
Luogo di edizione: 
Milano

Presentazione: 

Il testo raccoglie una selezione di poesie, in polacco con a fronte la traduzione italiana, che vanno dal 1956 al 1982. Molte le riflessioni sul potere; sulla dittatura, mostro che non si vede se non dalle sue vittime; sull'eternità che non invidia agli dei e al paradiso; sul suo paese, in cui non può non tornare, per la dolcezza della memoria e nella speranza di dare risposte.


....vede già

il confine

il campo arato

le omicide torrette di guardia

i fitti cespugli di filo spinato

C'è modo e modo di sparire. Poesie‭ ‬1945-2007

Editore: 
Adelphi
Anno: 
2013
Luogo di edizione: 
Milano
Autore: 

Presentazione: 

Il testo, a cura di Ottavio Fatica, è bilingue: romeno- italiano, inglese - italiano, seguendo la biografia dell'autrice. La selezione delle poesie copre infatti lunghi anni di produzione e si arriva anche a quelle scritte nella nuova lingua, in inglese. Anche i temi di conseguenza sono i più vari, domina la riflessione sul senso dell'esistere e il prezioso nitore dei versi, mai niente di inutile, una continua eco di autoironia e immagini potenti.


Sotto il cielo di Lampedusa. Annegati da respingimento

Editore: 
Rayuela
Anno: 
2014
Luogo di edizione: 
Milano
Autore: 

Presentazione: 

Dalla prefazione di Erri de Luca: i versi di questa raccolta somigliano a onde, stanno in una corrente che accompagna. Mettersi è il verbo di chi deve andare allo sbaraglio di un'emigrazione: mettersi nel viaggio. E' carovana, pista nel deserto, in mani di mercanti di persone. Sono i peggiori: di qualunque altra mercanzia avrebbero premura di custodia e consegna.
Il corpo umano è diventato la più redditizia delle merci. Occupa poco spazio e pure se non sbarca, non arriva a destinazione, ha pagato lo stesso.

Tu sei il mio volto. Antologia di poesia femminile migrante

Editore: 
Ensemble
Anno: 
2013
Luogo di edizione: 
Roma
Autore: 

Presentazione: 

Che cos’è il volto? Potremmo forse dire che un volto è un’identità, una risposta sensibile alla nostra esigenza di vedere e comprendere l’emersione individuale di ciascun vivente; segno uguale e diverso oltre le contingenze dei tempi e dei luoghi in cui la vita di ciascuno si svolge, anche se mai a prescindere da questi accidenti cardinali della vita personale.
POESIE DI LIVIA BAZU, TATIANA CIOBANU, EDITH DZIEDUSZYCHA, SARAH ZUHRA LUKANIC, OLGA OLINA, HELENE PARASKEVA.

‬Leggenda della mia nascita

Editore: 
Edizioni Ensemble
Anno: 
2012
Luogo di edizione: 
Roma

Presentazione: 

Questo libro di poesie tocca vari temi dell'esistenza degli uomini e descrive in modo coinvolgente la natura in cui sono immersi.‭ ‬Ad esempio nella nostalgia dei luoghi dell'infanzia e dell'amicizia di un tempo,‭ ‬nel volo degli uccelli che danno profondità al paesaggio e senso al volgere del giorno e delle stagioni.‭ ‬È la prefazione di Hajdari a spiegare perchè questi paesaggi siano prevalentemente pietrosi,‭ ‬minacciati,‭ ‬oscuri:‭ ‬l'opera di Mustafaj nasce nelle montagne nel nord dell'Albania e si sviluppa nell'inverno di una feroce dittatura.‭

bilingue, italiano-albanese


‬I canti dei nizàm

Editore: 
Besa Editrice
Anno: 
2012
Luogo di edizione: 
Nardò (Lecce)

Presentazione: 

Nizàm è il nome turco che indica i soldati albanesi combattenti per l'impero ottomano,‭ ‬i cui canti,‭ ‬assieme a quelli dei‭ ‬kurbèt,‭ ‬i migranti,‭ ‬rappresentano una parte importante del patrimonio culturale albanese tramandati di generazione in generazione e cantati durante le cerimonie.‭ ‬In comune,‭ ‬come spiega lo stesso autore nella introduzione al volume in cui ha raccolto e tradotto in italiano decine di testi tradizionali,‭ ‬la nostalgia per la lontananza dalla patria.‭ ‬In particolare i canti dei nizàm‭ ‬esprimono dolore, ma anche protesta contro l'invasore che li obbligava ad a


Antologia personale.‭ ‬Poesie‭ ‬1945-1983

Editore: 
Passigli Editori
Anno: 
2006
Luogo di edizione: 
Firenze

Presentazione: 

È il secondo libro edito da Passigli delle poesie della scrittrice, in edizione bilingue, italiano-russo.‭ Il primo è una selezione delle poesie scritte dal 1921 al 1933. ‭ ‬Nei versi affiorano i temi dell'esilio,‭ ‬della partenza con un biglietto di sola andata,‭ ‬del ricordo mitico della Pietroburgo in cui è nata,‭ ‬del paradiso da cui fu cacciata,‭ ‬della separazione così come teneri ritratti dell'amore e dell'amicizia ed echi di grandi letterati,‭ ‬russi ed europei.


com/posizioni

Editore: 
Rayuela
Anno: 
2011
Luogo di edizione: 
Milano
Autore: 

Presentazione: 

La traduttrice Laura Branchini ci spiega che questo volumetto di poesie fu redatto tra il 1983 e l'84 quando Gelman era profugo in Europa e rappresenta una sorta di ri/scrittura di poeti antichi, come precisa nell'exergo anche l'autore. Dice di chiamarle "Com/posizioni" perchè ha introdotto cose sue nei testi scritti da grandi poeti secoli prima: "fui colpito dalla loro visione dell'esilio, e aggiunsi - o cambiai, camminai, offrii - ciò che io stesso sentivo, come contemporaneità e compagnia? mia con loro? a rovescio?


Pagine

Abbonamento a RSS - Poesia