Tu sei qui

Seconde generazioni

Adua

Editore: 
Giunti
Anno: 
2015
Luogo di edizione: 
Firenze
Autore: 

Recensione: 

Adua, ultimo romanzo di Igiaba Scego edito da Giunti, è una storia a due voci: quella di un padre, Zoppe, e quella di una figlia, Adua, che presta il nome al titolo. Entrambi nati a Mogadiscio, condividono con l’autrice le origini africane. L’incipit del romanzo vede la protagonista chiacchierare con l’elefantino dalle grandi orecchie di piazza Santa Maria sopra Minerva a Roma. La donna riporta alla memoria tutta una vita, con un continuo movimento che procede in avanti e torna indietro, riscrivendo vicende che, nel ricordo, ogni volta, assumono un significato diverso.


Fuori piove, dentro pure, passo a prenderti?

Editore: 
Mondadori
Anno: 
2015
Luogo di edizione: 
Milano

Presentazione: 
In un libro scritto con grinta e freschezza si riversa la vita di un giovane nero italiano, delle difficoltà di vivere qui dove è nato ed essere semplicemente accettato come persona. A intervalli regolari frasi isolate in bella evidenza, brevi, ironiche, pregnanti, raccontano una storia d'amore, che poi si allarga al quadro d'insieme e si sviluppa in piccoli paragrafi.

Quando nasci è una roulette. Giovani figli di migranti si raccontano

Editore: 
Terre di mezzo
Anno: 
2007
Luogo di edizione: 
Milano
Autore: 

Recensione: 

Il breve ma saggio testo curato da due scrittrici, una nata in Italia da immigrati africani e l'altra cresciuta sin da piccola nel nostro paese (Igiaba Scego e Ingy Mubiay) ha il merito di accendere i riflettori su un fenomeno che non è più ignorabile e che richiede riflessione: le seconde generazioni in Italia, ossia i figli degli immigrati, che chiedono voce e riconoscimento.

Porto il velo adoro i Queen

Editore: 
Sonzogno
Anno: 
2008
Luogo di edizione: 
Milano

Presentazione: 

Il romanzo viene presenato il 12 giugno 2009 nella trasmissione radiofonica Cammei della Rai regionale, ore 16.00.

Abbonamento a RSS - Seconde generazioni